Ricevi la nostra Newsletter

L'unico modo per non perderti nulla sulle novità gastronomiche suggerite da Cibotoday. Ogni mattina nella tua e-mail.

rotate-mobile
Mercoledì, 24 Aprile 2024
Milano

L’azienda elettronica cinese Xiaomi si lancia nella ristorazione e apre un bar a Milano

Si chiama, nemmeno a dirlo, Xiaomi Café ed è un esperimento temporaneo pensato per creare un'esperienza più trasversale destinata ai clienti e agli eventi

Dagli smartphone alla mobilità elettrica. Dagli elettrodomestici fino al mondo della ristorazione: il colosso cinese Xiaomi, terzo marchio di telefonia più venduto al mondo, non sta investendo solo su app e fotocamere. Tra i piani del futuro c'è anche un nuovo concept legato al cibo. L’indizio si trova a Milano, dove il gruppo farà il suo esordio ufficiale nella ristorazione italiana con un formato particolare. Quella che verrà inaugurata il 7 marzo 2023 in Via Verziere 3 al posto di un negozio di poke sarà una realtà a metà fra il bistrot e café. Almeno questo trapela dalle prime indiscrezioni.

L'interno del locale con il menu della caffetteria

Da casa Xiaomi a Xiaomi Cafè

Lo Xiaomi Cafè, questo il nome del nuovo spazio che si sviluppa su due piani con ampie vetrate e i colori arancioni tipici del brand, sembra avere l’ambizione di diventare un punto di riferimento nel centro di Milano per chi deve consumare pasti velocemente, o chi ha bisogno di uno spazio per lavorare da remoto o farsi una chiacchiera con gli amici. Insomma i presupposti sono quelli di una clientela piuttosto eterogenea. Qui si accoglie anche l’evoluzione del format Casa Xiaomi, un appartamento milanese di poco più di 200 metri quadrati, inaugurato nel 2021 sempre dallo stesso marchio per permettere alle persone di interagire con le tecnologie sviluppate dall’azienda per l’ambiente domestico.

Le vetrine del locale dall'esterno

Come sarà il nuovo Xiaomi Café: ecco cosa sappiamo

Il bar della nuova sfida di Xiaomi sarà aperto da colazione fino all’aperitivo. Niente cena e niente piatti elaborati. Xiaomi mette a disposizione sia un servizio di caffetteria con proposte in partnership con Lavazza e le brioche firmate da Adriano del Mastro (tutto tra 1,30 e 5€), sia alcune soluzioni food abbastanza agili da abbinare con cocktail o altre bevande (sui 13€). La carta, disponibile già online, ospita antipasti come mozzarella di bufala in varie declinazioni e tartare. Mentre diversi sono i tipi di polpette ordinabili, dalle classiche con il sugo e le patate, alle vegane con soia. Senza dimenticare la bowl poké, componibile con diversi assemblaggi.

La sala interna con l'angolo bar

Un pop up che forse durerà nel tempo

Dopo l’apertura si carpiranno altre informazioni: soprattutto ci si chiede se questo caffè sia solo un appoggio per gli aficionados del brand, come sicuramenre sarà, o dentro bolla in pentola qualcosa di più ambizioso. Potrebbe cominciare tutto dal caffè e dagli eventi, poi magari, dopo qualche test, tentare addirittura la strada di una ristorazione permanente e con più punti vendita. È presto per dirlo, ma conoscendo le ambizioni di un brand tentacolare come Xiaomi, nulla è scontato. In questo senso Milano sembra la città perfetta per sperimentare e mettersi alla prova.

Il locale visto tra interno ed esterno

Xiaomi Cafè

CiboToday è anche su Whatsapp, è sufficiente cliccare qui per iscriversi al canale ed essere sempre aggiornati

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

CiboToday è in caricamento