Ricevi la nostra Newsletter

L'unico modo per non perderti nulla sulle novità gastronomiche suggerite da Cibotoday. Ogni mattina nella tua e-mail.

Giovedì, 18 Luglio 2024
Torino

Apre la sua bakery a Torino il pasticciere che ha lanciato i croissant cubici in Italia

Maicol Vitellozzi è pronto per un’esperienza in solitaria. “Dopo aver portato in Italia il ‘crubik’ dalla Svezia ora mi inventerò altri dolci”. Con Francesca Corbo sta per aprire la sua insegna

Aretino, classe 1987, frequenta l’Alma e fa uno stage all’Osteria Francescana di Massimo Bottura. Dopo alcune esperienze tra Inghilterra e Stati Uniti torna in Italia al ristorante Cracco a Milano, e poi decide di buttarsi sulla pasticceria: 8 anni alla Farmacia del Cambio di Torino, di cui il primo a fianco di Fabrizio Galla, per poi andare a imparare dal maestro dei grandi lievitati Vincenzo Tiri. È questo il passato di Maicol Vitellozzi che adesso è pronto per inaugurare un’insegna tutta sua. Il 23 marzo apre a Torino Maicol – Croissant Pane Pasticceria, in via San Tommaso 27.

Come nasce il progetto di Maicol a Torino

Sarà una bakery contemporanea con una proposta ampia e articolata focalizzata sui lievitati, che siano da colazione o da ricorrenza. Insieme a lui nel progetto come co-fondatrice la pasticciera Francesca Corbo, conosciuta a Farmacia del Cambio e con lui anche nell’ultima esperienza in Basilicata. “L’idea ce l’abbiamo da circa 1 anno. Entrambi credevamo fosse arrivato il momento per lavorare per noi stessi”, racconta Vitellozzi a CiboToday. La realizzazione di un sogno che avviene a Torino, città che ha accolto Maicol 10 anni fa e che ormai sente come casa. “Questa città mi è piaciuta fin da subito. Ho deciso di rimanere qui perché ormai conosco la clientela, che ha sempre dato una risposta positiva ai miei prodotti”.

Pain au chocolate di Maicol

La proposta di Maicol – Croissant Pane Pasticceria a Torino

Oltre ai lievitati da colazione, da Maicol ogni giorno verranno sfornati diversi tipi di pane, pizza alla pala. “Ci sarà anche una parte di pasticceria, ma vogliamo distaccarci da quello che abbiamo già fatto, lasciando un po’ da parte la pasticceria moderna con le sue glasse, mousse e gelatine per giocare con i dolci da forno. Tipo crostatine e monoporzioni a base di frolla fresche da vetrina, ma anche torte confezionate da scaffale”, spiega Maicol. Ci saranno poi i grandi lievitati delle feste; infatti, si parte subito in poppa magna con la proposta di colombe pasquali in due versioni: agli agrumi e al cioccolato extra fondente (35€ da 750g).

Maicol Vitellozzi e Francesca Corbo nella loro nuova insegna a Torino

Nei prossimi mesi l’offerta si allargherà con l’introduzione di tutta la parte di biscotteria, tra cui un biscotto molto caro a Vitellozzi: il cantuccio toscano, “che non potevo non fare nel mio negozio”. Maicol sarà aperto dal martedì alla domenica, più o meno dalle 7.30 alle 18 – gli orari sono in via di definizione – con prodotti studiati per vari momenti della giornata: dalla colazione alla merenda, passando per il pranzo. Per quanto riguarda il beverage però, non ci sarà un’offerta di caffetteria ma solo succhi di pura frutta estratti a freddo di Suqqo (una realtà torinese) e birre non filtrate da accompagnare a pizze e focacce. I prezzi? Non sono popolari. “I nostri prodotti si posizioneranno in una fascia di prezzo medio-alta, in linea con l’offerta di Torino. Questo anche perché utilizziamo materie prime di altissima qualità, che abbiamo selezionato con cura in questi mesi a partire dalle farine locali. E, si sa la materia prima buona ha un costo più alto”.

Uno dei croissant di Maico Vitellozzi

Vitellozzi e l’amore per i croissant (anche di forme insolite)

Nonostante la varietà della proposta, i croissant rimarranno comunque i prodotti di punta, vista il grande impegno con cui Maicol si dedica al tema. “Essendo il prodotto che dà il buongiorno o il benvenuto al cliente ci punto molto per farmi conoscere… anche se in passato qualcosa di buono l’ho fatto”. Il desiderio adesso è quello di trovare queste conferme mettendo la firma, e la faccia, sulle sue creazioni: “è importante aggiornarsi e creare novità come è successo con il cubo che adesso fanno tutti. Adesso spero di essere il precursore di altri prodotti che possono essere un diversivo alla classica colazione all’italiana”. La sua passione per le forme insolite non è nuova e sui suoi profili social è da poco comparso un croissant a forma di diamante, che ci aspettiamo di trovare anche sul banco di Maicol.

Ma come mai questa “ossessione”? “Perché secondo me fa vetrina, così come le monoporzioni tutte colorate, secondo me sulla parte della colazione molto spesso c’è troppa monotonia, Io mi diverto a sperimentare con nuove dorme”. Anche se non è per niente facile; infatti, Maicol ci confessa che se cuociamo un prodotto dentro uno stampo è ovvio che non avrà lo stesso sviluppo di un croissant tradizionale, ma è qui che entra in gioco la tecnica e la conoscenza dei prodotti: è necessario apportare delle modifiche all’impasto classico per raggiungere un buon risultato. Nella proposta della sua bakery non poteva mancare il croissant a forma di cubo che aveva introdotto da Farmacia del Cambio, ma in una veste totalmente nuova.

Il crubik di Maicol Vitellozzi a Farmacia del Cambio

Arriva il Crubik 2.0, il nuovo lievitato di Maicol Vitellozzi

Si chiamerà Crubik 2.0, diverso già alla vista dal suo predecessore perché sarà bicolore: con metà impasto al cacao e metà classico, che intrecciandosi creeranno delle venature che ricordano il tronco di un legno. Per scoprire la nuova farcitura però, dobbiamo aspettare ancora qualche giorno. “Quando arrivo al punto in cui un prodotto funziona ed è bello, mi metto a lavoro per stravolgerlo e migliorarlo”. In questo caso ha cambiato la ricetta perché si è accorto che aveva ancora dei margini di miglioramento. In particolare, c’erano delle problematiche che emergevano in degustazione. “Quando creo un prodotto l’estetica deve andare di pari passo con il gusto, la forma deve essere funzionale al contenuto. Ho lavorato proprio su questo, sperando di regalare ai clienti un’esperienza nuova e anche migliore di prima”.

Maicol

CiboToday è anche su Whatsapp, è sufficiente cliccare qui per iscriversi al canale ed essere sempre aggiornati

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

CiboToday è in caricamento