Ricevi la nostra Newsletter

L'unico modo per non perderti nulla sulle novità gastronomiche suggerite da Cibotoday. Ogni mattina nella tua e-mail.

rotate-mobile
Sabato, 18 Maggio 2024
Roma

Una chef – musicista 25enne rivoluziona la cucina di un piccolo hotel a Roma

La giovane chef Maya Diegel porta da Jacopa la sua proposta di cucina itinerante, basata su piccoli piatti da condividere e unire al tè

Piatti vietnamiti, cinesi, taiwanesi, coreani si’incontrano nella proposta di Maya Diegel, chef di 25 anni (ma anche musicista e cantante) dalle origini cosmopolite. Suo padre è tedesco-svizzero, sua madre è taiwanese. È nata in Sudafrica e poi cresciuta in Francia, dove ha preso confidenza con la cucina e con le cucine di altri paesi. In primis quella di casa, la cucina asiatica e il formato del dim sum, un’espressione che spesso viene associata ai soli ravioli, “ma non si può pensare al dim sum senza ravioli”, mentre invece indica una modalità di avvicinarsi alla tavola, con piatti piccoli, da condividere e da unire al tè. Un po’ come accade con i ciccheti veneziani, le tapas spagnole o i mezè mediorentiali. “Sono cresciuta con la cucina asiatica. Anche quando viaggiavamo, almeno una volta dovevamo mangiare dim-sum. Mi sembra una cosa molto italiana. Nei ristoranti asiatici di solito c’è una persona che gira con il carrello da cui puoi scegliere le tue pietanze” ci racconta Diegel.

Una cuoca in viaggio e il suo progetto di cucina asiatica

Nems (involtini vietnamiti) e salse da condimento

Arrivata solo un anno fa a Roma, dopo aver imparato a cucinare da Ferrandi, prestigiosa scuola di cucina francese, lavora nella cucina dell’hotel W Rome, dentro il ristorante Giano dello chef Ciccio Sultano e dell’Executive Chef Nicola Zamperetti. “Sono venuta qui per conoscere la cucina italiana. Poi mi sono innamorata di Roma. Questa città è piena di vita” ci dice. Così decide di portare il suo curriculum in giro e arriva anche da Jacopa, ristorante aperto nel 2019 all’interno dell’hotel San Francesco nel Rione Trastevere. “Maya è arrivata qui all’improvviso. Al momento non avevo bisogno di personale in cucina. Però mi sono innamorato dell’idea” ci spiega Daniele Frontoni, gestore dell’albergo con l’annesso ristorante. La motivazione di Maya però è convincente “inoltre volevo portare qualcosa di nuovo” ci dice Frontoni, così nasce l’idea di creare un Dim Sum bar per due giorni alla settimana dentro il ristorante Jacopa. La domenica e il lunedì a cena.

Cosa si mangia nel nuovo pop-up di Jacopa: prezzi e piatti

Dal menu del dim sum di carne, mapo tofu

Il menu che arriva in tavola si organizza in due percorsi, uno di carne e uno vegano (prezzo 30€) realizzato con gli stessi ingredienti di qualità pensati per il resto del menu del ristorante. Per fare qualche esempio della proposta, possiamo trovare jiaozi (i famosi ravioli asiatici a forma di orecchio) con diversi ripieni, presentati al tavolo ancora nella vaporiera di bamboo, preparati ovviamente in modo artigianale. Poi ribs di maiale, silky tofu con insalata di peperoni, cipolla e sedano, ma anche kimchi di pera, zuppa di tempeh, lemon grass e brodo vegetale, nems, ovvero un involtino vietnamita (che ricorda i più comuni spring roll) ripieno di pere e porro fritto, da mangiare avvolto in una foglia di insalata, mapo tofu, con peperoni, cipolla e sedano. Immancabili le salse, da quella di soia al chili oil fatto in casa, in cui intingere i bocconi, spaziando tra dolce, acido, piccante. In accompagnamento, sia tè, pu’er oppure oolong, ma anche vino da una bella cantina con tante referenze naturali.

Un pop-up dim sum a Roma

Chef Diegel prepara un piatto a base di daikon

Per ora la proposta è dedicata a un numero limitato di persone per sera ed è pensata per la condivisione a due. Si protrarrà per i mesi di aprile (a partire da domenica 6 aprile), poi maggio e giugno, con la possibilità di essere estesa anche in terrazza, quando partirà ufficialmente la stagione del rooftop. “I piatti che porto qui sono molto ispirati alla cucina con cui sono cresciuta. I dim sum sono sempre stati una parte di me. Il mio piatto del cuore? Il daikon fritto nella farina di riso”.

Jacopa

CiboToday è anche su Whatsapp, è sufficiente cliccare qui per iscriversi al canale ed essere sempre aggiornati

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Una chef – musicista 25enne rivoluziona la cucina di un piccolo hotel a Roma

CiboToday è in caricamento