Ricevi la nostra Newsletter

L'unico modo per non perderti nulla sulle novità gastronomiche suggerite da Cibotoday. Ogni mattina nella tua e-mail.

rotate-mobile
Martedì, 23 Aprile 2024
Guide

Piatti, drink e gelati dedicati a Tim Burton in tutta la città durante il Torino Film Festival

Torna il format Salone OFF Food Topic che accompagna gli eventi artistico-culturali di Torino con proposte di enogastronomia di alta qualità

Anche quest’anno si svolgerà il Salone OFF Food Topic, il format che accompagna gli eventi artistico-culturali di Torino (presto anche in altre città) con proposte di enogastronomia di alta qualità a loro ispirati. Ideato dalla giornalista Rosalia Imperato e alla food-blogger Irene Prandi, giunge alla sua terza edizione, questa volta in concomitanza col Torino Film Festival, in programma dal 24 novembre al 2 dicembre.

Che cos’è Salone Off Food Topic: il racconto dei protagonisti

Il progetto nasce ai tempi dell’Eurovision a Torino” spiega Imperato a CiboToday “Mi era stato chiesto un articolo sui ristoranti che preparavano un menu apposito per l’evento e c’era poco o niente. Da qui l’idea”. Il debutto è avvenuto l’anno scorso con Artissima, seguito poi dal Jazz Festival con l’introduzione dello Chef Guest: non solo un traino alla manifestazione e alle attività coinvolte, ma un esempio per le nuove generazioni che muovono i primi passi nell’affascinante ma alquanto complesso mondo della ristorazione.

È una manifestazione importante per il nostro lavoro” spiega Christian Costardi, Guest Chef della scorsa edizione del Salone Off “perché ci permette di spaziare all’esterno della cucina e prendere ispirazione da discipline diverse come l’arte, la musica e il cinema”. Così ristoranti, pizzerie, gelaterie e, novità di quest’anno, le botteghe del territorio, proporranno un piatto o una box di prodotti a tema gotico, ispirato a Tim Burton, star in città con una mostra in corso fino al 7 aprile 2024 al Museo Nazionale del Cinema. Ecco la lista delle proposte di Salone OFF Food Topic edizione Torino Film Festival 2023.

Spazio 7 

La tavoletta alla vaccinara di Spazio7

L’idea di Antonio Romano, Guest Chef di questa edizione del Salone OFF e 1 stella Michelin per Spazio 7, prende spunto dal film La fabbrica di cioccolato, dando vita a un’insolita e bizzarra barretta di cioccolato dal cremoso ripieno salato, di chiara tradizione romana: la Wonka’s Vaccinara. “Ho riempito una tavoletta di cioccolato con uno dei piatti tipici della cucina romana: la coda alla vaccinara. La ricetta tradizionale di questo piatto prevede l’aggiunta in preparazione di cacao amaro o cioccolato fondente”. Il piatto è disponibile al ristorante della Fondazione Sandretto Spazio7 durante la rassegna in tutti i menu degustazione: 3 portate 85€, 5 portate 110€, 7 portate 130€.

Dove: Spazio7. Via Modane, 20

Aria Gelateria

Il gelato di Aria

Si ispira alla favola gotica moderna Edward mani di forbici il gelato pensato per la prossima edizione di Salone OFF Food Topic da Aria Gelateria. Biscotto allo zenzero è un cremoso gelato realizzato con latte, panna e zucchero di canna arricchito con zenzero e cannella e mantecato con biscotti allo zenzero fatti in cada. Biscotto allo zenzero 27€ al kg, cono/coppetta piccolo 3€, medio 3,80€, grande 4,5€, only baby 2€.

Dove: Aria Gelateria. Via Santa Giulia, 32f 

Edit

Il piatto di Edit

Due proposte da Edit, una riguarda un piatto e una un drink. Il primo vuole raccontare l’evoluzione del rapporto tra padre e figlio ed è stato creato da Edit in Limited Edition. Big Fish, ispirata all’omonimo film di Tim Burton, è una trota salmonata in crosta di pane, tortino di patata, succo di pomodoro e olio al basilico dove l’elemento pane rappresenta il lievitare, maturare, crescere, dunque l’evolvere di questo rapporto tra padre e figlio. Big Fish16€. L’oscuro colore, il drink realizzato dal bartender Samuel Donniacuo di Edit, racchiude in sé l’atmosfera dark di tutti i film di Tim Burton. L’oscurità è data dal suo profumo fumoso e dal suo colore particolarmente scuro come una Sacher Porter. Tutto è molto gotico, ma in fondo al buio c'è luce: le noti dolci di cioccolato e albicocca abbracciano le note agrumate di mandarino e sapide di miso con un finale amaro dato dal Punt e Mes. Prezzo: 10€.

Dove: Edit. Piazza Teresa Noce, 15a

Guscio

Il piatto di Guscio

Puntano sulle tinte dark e cupe dello stile burtoniano i plin di Guscio in edizione limitata. Preparati con grano arso i Gothic Plin si caratterizzano per una bella nota acidula data dal blu di capra in netto ma equilibrato contrasto con la dolcezza della crema di patata viola. A completare il piatto, petali di rosa e maggiorana. Gothic Plin porzione media 9€, porzione large 11€.

Dove: Guscio. Via Vincenzo Gioberti, 27c

M/A Cucina e padellino

La pizza di M:A Cucina e padellino

Bloom, la pizza al padellino creata da M/A Cucina e padellino si ispira all’opera cinematografica Big Fish. Bloom unisce in modo equilibrato e armonioso elementi di terra come la riduzione di datterino giallo a ingredienti di mare come il tonno rosso affumicato. A completare la pizza al padellino: porro croccante, pepe rosa ed emulsione al lime (16€).

Dove: M/A Cucina e padellino. Via Corte d'Appello, 2

Passaparola Bottega Contemporanea

La pizza di Passaparola Bottega Contemporanea

Melancholy è un omaggio alla storia dei coniugi Keane protagonisti di Big Eyes: un piatto pieno di rimandi, dove lo chef Timoteo Recchi di Passaparola Bottega Contemporanea, anch’esso artista, crea una versione freak (15€) del risotto dei Costardi Bros, appropriandosi del loro barattolo Campbell’s Soup, a sua volta opera di Andy Wharol.  Mentre Sweet Melancholy N. 1 (11€), è una pizza dal gusto agrodolce e speziato come i personaggi di Tim Burton, con l’impasto - realizzato con cenere di carbone vegetale - rugoso e volutamente imperfetto nell’aspetto. L’erborinato del Moncenisio con le sue muffe color blu, i finferli appassiti e trifolati e le chips di zucca completano il mood bizzarro.

Dove: Passaparola Bottega Contemporanea, Via Torta, 3 – Vinovo – Torino

Ristorante Sabauda

L'aperitivo di Ristorante Sabauda

Il Ristorante Sabauda propone un Aperitivo con Alice in un chiaro rimando al film Alice in Wonderland. Un benvenuto dello chef che consiste in uno scrigno contenente due piccoli panini al vapore dai golosi ripieni - insalata russa e salame cotto e mica piemontese - ad accompagnarli un Caramel Manhattan Cocktail: succo d’ananas, whiskey irlandese, caramello liquido, vermut e una goccia di essenza di crosta di pane.

Dove: Ristorante Sabaudia. Viale Torino, 11 - Fraz. Stupinigi, Nichelino - Torino

Tellia

La pizza al taglio di Tellia

Il panificatore torinese Enrico Murdocco firma per Tellia (il locale dove si fa la pizza in teglia alla romana) il nuovo trancio ispirato a Sweeney Todd: fonduta di Stilton, cavolo minestra per rievocare le macabre atmosfere burtoniane, ragù di salsiccia per richiamare i famosi pasticci di carne di Mrs Lovett - compagna e complice segreta del diabolico barbiere di Fleet Street - e scorza di lime per una punta di acidità e per esaltare l’insieme degli ingredienti. Sweeney Todd 26€ al kg.

Dove: Tellia. Via San Tommaso, 27c; Corso Sebastopoli, 241; Tellia Lab. Via Maria Vittoria, 20

Tuttofabrodo

I ravioli di Tuttofabrodo

È ancora Sweeney Todd - Il diabolico barbiere di Fleet Street a ispirare una delizia culinaria, ma questa volta reinterpretata in chiave gastronomica da Tuttofabrodo con dumpling cotti a vapore nella nebbia della Londra del XVIII secolo. Si tratta di ravioli cinesi alla barbabietola rossa e maiale piccante da assaggiare durante i giorni di Salone OFF Food Topic. Dumpling alla barbietola rossa e maiale piccante di Fleet Street 5 pezzi 6€, 10 pezzi 11€.

Dove: Tuttofabrodo. Via San Pio V, 8

Van Ver Burger

Il burger di Van Ven Burger

Dal più agguerrito antagonista di Batman, prende ispirazione Joker, il panino in Limited Edition pensato da Van Ver Burger, il food truck di burger artigianali 100% plant-based (ne abbiamo parlato qui). Un pane artigianale biologico al carbone vegetale scuro come Gotham City, farcito con funghi shitake speziati e brasati in salsa barbecue per una nota affumicata che ricorda i fumi delle strade della città, e poi i colori del cavolo viola marinato all’aceto di mele e della valeriana. Infine, la maionese al wasabi sfiziosa e pungente come il Joker interpretato da Jack Nicholson (10€).

Dove: Van Ver Burger, furgone itinerante, in giro per Torino

Via Tentro Gelato & Caffè

Il gelato di Via Tentro

Due grandi classici della cinematografia burtoniana per Via Tentro Gelato & Caffè: La sposa cadavere e Nightmare Before Christmas. Da una parte l’omaggio al personaggio di Emily e dall’altra a quello di Jack. Emily è uno stecco al cioccolato fondente 70% Madagascar con inserti di frutti di bosco, ricoperto alla vaniglia e fiori di fiordaliso. Jack è uno stecco alla zucca e cannella con copertura di cioccolato fondente 70% monorigine Venezuela. Stecco piccolo 2,20€, stecco grande 4,70€.

Dove: Via Trento Gelato & Caffè. Via Po, 40

Ziccat

I cioccolatini di Ziccat

Il Dumbo di Tim Burton del 2019, remake del film d'animazione del 1941, è la pellicola che ispira il piccolo scrigno di cioccolato fondente Salone OFF Circus, la pralina ideata dai maître chocolatier di Ziccat. Un leggero strato di cioccolato fondente, dunque, che racchiude un cremoso ripieno alle arachidi e calamansi, agrume molto coltivato nelle Filippine (52€ al kg).

Dove: Ziccat. Via Bardonecchia, 185; Piazza Francesco Borromini, 78; Corso Svizzera, 49; Via Pietro Micca, 2h.

CiboToday è anche su Whatsapp, è sufficiente cliccare qui per iscriversi al canale ed essere sempre aggiornati

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

CiboToday è in caricamento