Ricevi la nostra Newsletter

L'unico modo per non perderti nulla sulle novità gastronomiche suggerite da Cibotoday. Ogni mattina nella tua e-mail.

rotate-mobile
Domenica, 19 Maggio 2024
Mappe

Valle d’Aosta: 10 trattorie per trovare cucina tipica valdostana

Gli indirizzi del territorio per provare i piatti della Valle d’Aosta e assaporare il bello di questa regione, anche a tavola

Grazie alla sua posizione geografica, la Valle d’Aosta è sempre stata una via di transito e di incontro di diversi modi di nutrirsi. Lo sviluppo del turismo poi e la necessità di soddisfare il gusto di persone provenienti da differenti Paesi hanno determinato, in questi ultimi tempi, il nascere di una nuova cucina che, può essere considerata tipica, ma che non deve però essere confusa con quella prettamente tradizionale. Tagliere dei salumi (lardo, mocetta e boudin su tutti) e dei formaggi, zuppe di pane e verdure con l’onnipresente fontina, la stessa che farcisce crespelle e scaloppe. Umidi perlopiù di manzo (carbonade e fricando), talvolta di selvaggina vengono serviti con le patate e soprattutto con la polenta, che arriva anche da sola nella corroborante versione concia. Dulcis in fundo i desserts: la crema di Cogne (una sorta di budino al cacao), il blancmanger (che ricorda una panna cotta) e alcuni sfiziosi biscotti come le tegole e i torcetti sono alcuni dei piatti di questa tavola.

Lou Ressignon
La Brasserie du Bon Bec
Les Pertzes
Trattoria Omens
Le Moulin des Aravis
Maison Rosset
Il Balivo
Vetan
Al Maniero
Alpe Rebelle
Ristorante

Lou Ressignon

Salendo per rue Bourgeois, la via del passeggio a Cogne, si arriva in rue des Mines; le case si diradano e sulla sinistra appare la taverna, con il suo charme caldo ed elegante, che dal 1966 è una tappa classica del percorso enogastronomico cittadino. Oggi, a condurla, ci sono i figli del fondatore Arturo Allera, Elisabetta e Davide: cucina solida, tutta imperniata su carne e formaggi, arriva al cliente con un menu molto ampio che consente di poter godere dei piaceri della tavola.

Lou Ressignon-2

Ristorante

La Brasserie du Bon Bec

Nel centro di Cogne, questo tipico locale di montagna è davvero arredato con gusto: legno scuro, candele, spazi raccolti definiscono l’ambiente. L’atmosfera calda e d’antan è di proprietà di uno degli alberghi più affascinanti delle intere Alpi, l’Hotel Bellevue. Qui la tradizione non manca assolutamente nel piatto, come per esempio nella tartiflette (fritto di patate con pancetta), nella frecachà (carne di vitello cotta in padella con patate e cipolle) o, ancora, nella crema di Cogne con le tegole.

La Brasserie du Bon Bec-2

Ristorante

Les Pertzes

Legno e cotto dominano l’arredo del tipico edificio di montagna che da parecchi anni è sede dell’attività di Emanuele e Luisella Comiotto, ristoratori esperti e appassionati. L’ambiente è davvero raffinato e la cucina curata è caratterizzata da una filiera corta soprattutto per i formaggi e latticini. Particolare attenzione viene riservata poi alle carni, oltre ad una validissima offerta di vini, birre e distillati.

Brasserie Les Pertzes

Ristorante

Trattoria Omens

Omens è una piccola borgata a circa 800 m dove si trova questa rustica trattoria con cinquant’anni esatti di storia alle spalle, circondata da fitti boschi di castagni. Una grande accoglienza quella della famiglia Bertolin che accompagna una cucina dove i salumi, le zuppe e la polenta concia sono i piatti forti. Le castagne, essiccate e utilizzate nei mesi più caldi, sono una vera chicca e vengono servite in accompagnamento al lardo e burro.

Bar Trattoria Omens-2

Agriturismo

Le Moulin des Aravis

L’agriturismo della famiglia Gontier ha sede in un antico mulino del Seicento a fianco del torrente Ayasse nella valle di Champorcher, dove gli stessi proprietari macinano ancora adesso la farina di segale per preparare il pane ed altri prodotti. Il menu è fisso e cambia a seconda delle materie prime provenienti delle aziende agricole locali. Non vengono mai trascurate la frutta e la verdura, accompagnate dalle classiche pietanze della regione.

Le Moulins des Aravis-2

Ristorante

Maison Rosset

Nel centro del paese di Nus, la famiglia Rosset gestisce con passione un agriturismo risalente al Settecento, dall’atmosfera incantevole, con pareti dai colori caldi, camino acceso e pavimento in legno. Il menu è fisso e cambia a seconda della stagione, ma rimane sempre un pasto luculliano: vari antipasti, polenta cotta sulla stufa, gnocchi o ravioli con fonduta, carne al ginepro o carbonade, dolci tipici e tisane arrivano in tavola con grande gioia dei commensali.

Agriturismo Maison Rossett

Ristorante

Il Balivo

Punto di riferimento della val d’Ayas, a pochissimi metri dall’impianti sciistici di Champoluc, questo delizioso chalet valligiano in pietra e legno dall’atmosfera già calda, per via dei materiali, propone una cucina succulenta e ricercata. Decisamente invitanti i pani, le paste e i piatti a base di carne; grande ricerca per quanto riguarda la selezione dei formaggi.

Agriturismo Il Balivo

Ristorante

Vetan

È alquanto lunga e tortuosa la strada che sale dal fondovalle fino a Vétan, ma vale la pena percorrerla per il panorama sulle valli del Gran Paradiso e naturalmente per la sosta nell’osteria dei Montrosset. Elida e Antonella gestiscono questa tipica baita di montagna, in pietra e legno, arredata in modo semplice e tappezzata da foto di famiglia. Il menu, fisso, è un esempio di quanto di meglio può offrire la cucina regionale: la seupa valpellinentze è senza dubbio una loro specialità.

Bar Ristorante Vetan-2

Agriturismo

Al Maniero

Nel paese noto per lo splendido castello degli Challant, il locale della famiglia Paladini si presenta con una cucina influenzata dalle stagioni e da una filiera che diventa cortissima per le verdure, coltivate dagli stessi ristoratori. Ai clienti si offre un ambiente oltremodo accogliente con un arredamento semplice e genuino, dove in particolare gli ortaggi di stagione e le crespelle alla valdostana diventano autentiche leccornie.

Ristorante La Locanda de Il Maniero-2

Agriturismo

Alpe Rebelle

A Bionaz si può trovare un grazioso edificio in pietra sapientemente gestito da Daniele Pieller e Ilenia Perron dal 2014. Un’accoglienza calorosa caratterizzata da un’ottima cucina e dall’annesso B&B permettono qui di respirare la montagna a pieni polmoni, grazie anche ad un panorama mozzafiato sulla Valpelline. Cavolo con fonduta di blue d’Aosta e polenta grassa sono i loro pezzi forti.

Alpe Rebelle

CiboToday è anche su Whatsapp, è sufficiente cliccare qui per iscriversi al canale ed essere sempre aggiornati

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

CiboToday è in caricamento