Ricevi la nostra Newsletter

L'unico modo per non perderti nulla sulle novità gastronomiche suggerite da Cibotoday. Ogni mattina nella tua e-mail.

rotate-mobile
Domenica, 19 Maggio 2024
Mappe

22 indirizzi per mangiare e bere all’aperto a Milano

Bistrot, cocktail bar, ristoranti e trattorie dove vivere l’estate milanese all’aperto: ecco la nostra selezione

Sembra che ormai il pubblico milanese non abbia più paura di mangiare all’aperto. Complice l'ondata di Covid che ha fatto proliferare una miriade di dehors all'esterno dei locali, la clientela di questa città (ma si può dire in tutto il mondo) ha fatto propria questa pacifica abitudine plasmata dalla pandemia. Non solo d’estate: ormai mangiare all'aperto è un’attività che trova seguaci anche d’inverno e lo testimoniano i dehors sempre pieni.  Figuriamoci quando le temperature salgono e la calura pure, e l’unico rimedio è occupare un tavolino nei numerosi giardini, cortili, piazze, nei parchi, per godersi il fine giornata e un po’ d’aria. In questa guida vi portiamo alla scoperta dei migliori indirizzi dove fermarsi per una pizza, un cocktail o un piatto da godersi rigorosamente sotto il cielo.

LOM Dopolavoro
Cascina Nascosta
Erba Brusca
Al Cortile
Motelombroso
Un posto a Milano
San Filippo Neri
Degustazione ristoro e dispensa
Miro - Osteria del Cinema
La balera dell'Ortica
LùBar
Ratanà
Acquacheta
Tipografia Alimentare
e/n enoteca naturale
Surfer’s Garden
Caffè in Giardino Triennale
Osteria Democratica
Osteria Grand Hotel
Mosso
Tranvai
Una Cosa - Ofelé
Cocktail bar

LOM Dopolavoro

Una cascina del 1870 che è tornata a nuova vita lo scorso giugno 2022. Lom Dopolavoro nasce dal progetto di alcuni giovani imprenditori che in anni hanno riqualificato questo luogo rendendolo uno spazio rigenerato dove vivere l’estate milanese. Il cortile esterno nei mesi più caldi regala tranquillità dal caos cittadino, dove fermarsi per provare i cocktail realizzati dal bartender Massi Barile o gli snack dello chef Daniel. Si prediligono bottiglie di piccoli produttori italiani, solo poche referenze e ben studiate in modo da rispettare una filiera corta e sostenibile. Prezzo cocktail dagli 8 ai 10€.

Osteria-Bistrot

Cascina Nascosta

Nascosta nel cuore di Parco Sempione, proprio sotto la famosa Torre Branca progettata da Gio Ponti, questa vecchia cascina lombarda è tornata a nuova vita grazie alla volontà di alcune associazioni, capitanate da Legambiente. Infatti Cascina Nascosta è in primis un centro inclusivo attento alle buone pratiche dell’agricoltura, ospitando tanti mercatini agricoli, e poi un luogo dove fermarsi per l’aperitivo e il dopo cena. Ciclofficina, falegnameria e anche ristorante e bistrot dove provare i prodotti di produttori vicini in gustose ricette (dai 6 ai 18€).



 

Ristorante

Erba Brusca

Ci si può anche arrivare in bicicletta qui da Erba Brusca, percorrendo tutto il Naviglio Pavese. Siamo poco fuori le porte della città, in un contesto già bucolico e per questo rilassato. A capo della cucina la chef Alice Delcourt, attenta alla stagionalità degli ingredienti e alla loro provenienza, per una cucina di mercato sempre diversa e mai scontata. Mangiare nel giardino affianco all’orto è una bella esperienza, soprattutto durante una delle serate “Cene nell’orto”: ogni giovedì su prenotazione fino a estate inoltrata, con musica e tavolata sotto la vite.

Ristorante

Al Cortile

Questo locale sorge in un cortile interno di un complesso abitativo vecchia Milano, a pochi passi dalla Darsena. Dopo aver attraversato una serie di case di ringhiera si apre un bellissimo spazio dove è possibile cenare all’aperto nelle sere più miti dell’anno. Atmosfera romantica e molto intima, e da poco una novità: la cucina è affidata ai ragazzi di Food Fellas, società specializzata nel servizio catering a Milano.


 

Ristorante

Motelombroso

In una ex casa cantoniera sul Naviglio Pavese, Motelombroso risorge grazie al lavoro di recupero dei suoi due giovani proprietari, Alessandra Straccamore e Matteo Mazza, che hanno portato a vita nuova questo posto dimenticato. Un locale dove bersi un vino sdraiati in giardino e un ristorante gastronomico guidato dalla mano dello chef Nicola Bonora. Da provare sia alla carta (antipasti 22-30€, primi 22-28€, secondi 22-35€) che con due diversi menu degustazione: 5 portate a 80€ o 8 portate a 100€.
 

Osteria-Bistrot

Un posto a Milano

Una porzione di campagna in città, quella dove sorge Un posto a Milano all’interno della Cascina Cuccagna, già dal 1965 qui in Porta Romana. Un altro esempio di rigenerazione urbana a opera di associazioni di quartiere e volontari che qui hanno lavorato all’unisono per riconsegnare negli anni questo spazio al pubblico. Il ristorante è gestito dallo chef Nicola Cavallaro: un menu stagionale che valorizza ingredienti e materie tracciabili e provenienti da cascine e produttori limitrofi.

Osteria-Bistrot

San Filippo Neri

Si trova esattamente alla fermata Precotto, a nord di Milano, ed è una certezza per il pranzo del weekend (non è mai aperto a cena). Infatti la trattoria San Filippo Neri è la risposta democratica e popolare agli scontrini sopra la media della città, permettendo ancora di fare un buon pranzo con un massimo di 20€. Si mangia sotto la vite e si possono ordinare abbondanti piatti di stinco e patate, risotto con ossobuco, arrosto alla birra e vino sfuso. Un servizio da trattoria, sempre cordiale e alla mano. Ricordatevi di prenotare.

Osteria-Bistrot

Degustazione ristoro e dispensa

Indirizzo poco conosciuto all’interno della Casa degli Artisti in zona Garibaldi, un centro di residenza e sperimentazione per sostenere giovani creativi in diverse discipline artistiche. Questo bistrot è direttamente affacciato sul giardino pubblico Pippa Bacca, su un cortile silenzioso e molto intimo, per delle tranquille e inaspettate cene estive. C’è anche un vivaio di erbe spontanee, aromatiche e officinali da gustare sul posto. Una cucina legata al territorio e alle materie prime, per le quali si prediligono piccoli produttori vicini.

Ristorante

Miro - Osteria del Cinema

L’Osteria che nasce all’interno degli spazi che un tempo ospitavano il palco e i camerini dello storico Anteo Palazzo del Cinema, in Brera. Un posto molto rilassato, dove tutto è un omaggio al cinema, e che offre una bella sorpresa: il giardino segreto sormontato dalle vecchie mura del cinema e da piante rampicanti.  Una cucina che segue l’asse Italia-Francia, con alcune incursioni orientali: fatevi consigliare dallo chef Enrico Maridati tra i diversi piatti del menu, così come il pairing con i cocktail del bar.
 

Osteria-Bistrot

La balera dell'Ortica

Un salto negli anni di Jannacci e la sua Banda dell’Ortica in questa balera che ancora oggi non tradisce la sua identità popolare. Un bar con cucina casalinga (gettonatissimo il Branzo della domenica, a metà strada tra brunch e pranzo), ma anche corsi di ballo, bocciofila, dopolavoro ferroviario e mercatino dell’usato. Qui si viene per mangiare sulle lunghe tavolate e poi abbandonarsi a balli sfrenati di liscio o lindy pop.
 

 

Osteria-Bistrot

LùBar

Atmosfere liberty, raffinate e molto chic: Lu Bar è il locale aperto dai figli della stilista Luisa Beccaria nel cortile antistante la Galleria D’arte Moderna, in Porta Venezia. Dove un tempo sorgevano i porticati per le carrozze di Villa Reale, ore si trova questo locale dove gustare una cucina mediterranea con incursioni siciliane. È possibile mangiare nella serra esterna così come nel giardino che affaccia direttamente sui giardini della Villa Reale.

Ristorante

Ratanà

Sotto la Milano verticale di Gae Aulenti, vicino alla BAM, c’è Ratanà indirizzo storico gestito dallo chef Cesare Battisti. Un asso per quanto riguarda i risotti così come per le ricette e i prodotti del territorio, lo chef propone menu sempre diversi che cambiano ciclicamente con le stagioni e con la reperibilità sul mercato. Si può mangiare nel giardino esterno, circondati da orti didattici e guardando direttamente il Bosco Verticale di Stefano Boeri. Scontrino medio sui 60€.
 

Ristorante

Acquacheta

Qui da Acquacheta si viene per trovare un piccolo angolo di pace insieme a una buona cucina genuina e con forti influenze toscane. Un indirizzo nascosto tra le fermate di Gorla e Precotto, che d’estate si apprezza ancora di più per il grazioso giardino dove poter mangiare all’aperto. Pici con fave e pecorino (12€), pappardelle con ragù di Fassona (12€), e tanta carne alla brace. Spirito, servizio e prezzo cordiale e umano, come trattoria vuole.

Osteria-Bistrot

Tipografia Alimentare

In zona Naviglio della Martesana a nord est di Milano, Tipografia è ormai un indirizzo capace di spostare persone da tutta la città. Una vineria naturale, una bakery per la colazione con ottimi prodotti e lievitato da forno, un bistrot che predilige materia prima vegetale e proveniente da piccoli produttori di fiducia. I ragazzi sapranno raccontarvi con precisione ogni piatto e ogni bottiglia, mentre ci si gode il pranzo guardando direttamente questo angolo di Martesana.

Enoteca-Winebar

e/n enoteca naturale

Per molti uno dei giardini e angoli più belli della città, che affaccia direttamente sulla chiesa e piazza di Sant’Eustorgio in zona Darsena. e/n enoteca naturale, infatti, è una vineria naturale che sorge all’interno degli spazi di Casa Emergency e oltre a essere un valido indirizzo per l’aperitivo e la cena, fa anche del bene con un progetto di inclusione sociale. Lo chef Gianmaria Errico, giovane bergamasco, ha preso da poco in mano la cucina e propone un menu che mixa sapori e ingredienti locali con il resto del mondo. Si può ordinare alla carta o il percorso degustazione in 4 portate (40€).

Cocktail bar

Surfer’s Garden

Un giardino urbano quello di Yuri Gelmini, socio e bartender di questo cocktail bar, che si farebbe fatica a immaginare così come è nato, all’interno dello storico centro sportivo Savorelli.
Tutta la passione di Yuri per la botanica e i distillati confluisce proprio qui: un bellissimo giardino di rose che fa da file comune anche nella miscelazione. Infatti la drink list del Surfer’s Garden è sempre ispirata al mondo vegetale: fiori, piante, una capillare conoscenza che si ritrova anche nei drink.

Cocktail bar

Caffè in Giardino Triennale

Sicuramente una cosa non scontata cenare o prendere un aperitivo in un giardino circondati dalle opere di Giorgio De Chirico (le surreali sculture dei “Bagni Misteriosi”), dopo una vista al Museo della Triennale. Il Caffè in Giardino è il bar esterno del Museo e il luogo dove fermarsi per provare buonissime focacce (12€), bowl e poke (12-13€), insalate /11€) e tartare (12€).
 

Osteria-Bistrot

Osteria Democratica

Un'osteria di nuova generazione che vuole però prendere in prestito i tratti dei vecchi locali di Milano. Si trova tra Corso San Gottardo e via Conchetta, nel cuore del Naviglio Pavese, ed è un'enoteca con piccola cucina e menu corto. La scelta dei prodotti e ingredienti è alla base di Osteria Democratica: piccoli produttori, cascine non troppo distanti da Milano, da gustare in taglieri, crostoni, tartare (prezzo dai 7 ai 13€). Il vino ricopre un ruolo importante: buona la selezione delle etichette con tanti vini naturali. Il giardino interno è un angolo nascosto dove assistere anche alle serate di stand up comedy o jazz.

Osteria-Bistrot

Osteria Grand Hotel

Osteria nata nei primi del '900 su campi da bocce e piste da ballo, quando ai tempi si chiamava "El Gandin". Qui da Osteria Grand Hotel si respira tutta la Milano che non c'è più: la bocciofila è rimasta quella di un tempo così come il patio estenro, dove nelle sere d'estate si può mangiare sotto il bellissimo glicine. Nella veranda interna si guarda il giardino di rose, mentre si assaggiano i piatti di una cucina prevalentemente tradizionale: ravioli di brasato con sugo (13€), tagliolini con ragù di Fassona (13€), vitello con cicoria ripassata (20€). 

Pizzeria

Mosso

Dietro Mosso un progetto di riqualificazione urbana in zona Nolo e all’interno del Parco Trotter. Un punto di inclusione cittadina che contiene bar, spazio eventi, e pizzeria ristorante con oltre 130 coperti, tra esterni e interni. Le pizze sono leggere e fragranti, servite a spicchi (dai 7 ai 14€) e create con la consulenza di Daniele Falcone, un professionista con una solida esperienze alle spalle. Un posto di quartiere che fa anche del bene grazie ai progetti di inclusione sociale e molti concerti dal vivo. venite qui durante una sera di bella stagione per capire di cosa si tratta: l'ampio piazzale esterno accoglie tutti, non solo per l'aperitivo o per cenare ma anche per far festa, cultura, partecipare ai mercatini, e ai tanti laboratori.

Cocktail bar

Tranvai

Si trova sulla Martesana, a nord di Milano, e si chiama così perché nasce sullo scheletro (ora ristrutturato) di un vecchio tram della città. Il numero 1522, per l’esattezza, ora tornato a nuova vita grazie al lavoro dei suoi 4 soci: Carlo, Marco, Steven e Max, che potete trovare ogni giorno qui al Tranvai. Bellissimo l’aperitivo sotto il glicine, con una buona selezione di birra alla spina (4-6€), cocktail (7-10€) e qualche piatto come hamburger, panini o taglieri (6-15€).

Osteria-Bistrot

Una Cosa - Ofelé

Il bistrot di Ofelé, il posto dove fare brunch e colazioni (anche) salate nato in primis in Via Savona. Ora raddoppia con questo spazio che nasconde una bellissima corte interna in Conca del Naviglio. Le  proposte dal menu sono realizzate con prodotti ortofrutticoli a km 0, ingredienti selezionati e farine macinate quotidianamente. Ovviamente non mancano i piatti tipici di questo locale: pancakes con impasto a scelta tra farina di grano saraceno, ceci, riso, lenticchie e piselli, avocado toast, yourt e granola. 

CiboToday è anche su Whatsapp, è sufficiente cliccare qui per iscriversi al canale ed essere sempre aggiornati

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

CiboToday è in caricamento