Ricevi la nostra Newsletter

L'unico modo per non perderti nulla sulle novità gastronomiche suggerite da Cibotoday. Ogni mattina nella tua e-mail.

rotate-mobile
Domenica, 25 Febbraio 2024
Personaggi

A Siena c'è un cuoco che coltiva decine di bonsai nel suo ristorante

Siamo al ristorante Campo Cedro, nel centro di Siena, e nella video intervista lo chef Kohsuke Sugihara ci ha spiegato tutto. Alcuni pensano che coltivare bonsai sia una forzatura verso la natura, ma a guardare questi arbusti non si direbbe

Lo chef di Yokoama Koshuke Sugihara è arrivato in Italia ormai quasi 25 anni fa e ha inanellato una serie di esperienze di livello in particolare a Siena lavorando al Canto della Certosa di Maggiano (ai tempi di chef Paolo Lopriore), all'Osteria Le Logge e al ristorante PorriOne.

La nascita del ristorante Campo Cedro a Siena

Poi, sempre a Siena, ha deciso di mettersi in proprio spalleggiato dalla moglie Daniela Sedda e nel 2018 è nato Campo Cedro, in un'area centralissima ma decentrata della città. Il nome del ristorante ne costituisce il manifesto: "campo cedro" è infatti la traduzione del cognome giapponese dello chef. Qui però non si fa cucina fusion, semmai si adottano tecniche e sensibilità orientali a preparazioni che si avvicinano maggiormente ad una cucina d'autore italiana. La sala, una volta superata la cucina a vista posta di fronte all'entrata, ospita una ventina di commensali, ma d'estate c'è un bel terrazzo fresco e tranquillo e i coperti possono crescere; e poi c'è una suggestiva cantina scavata nel tufo.

Dopo i primi anni di gavetta, Campo Cedro si è fatto largo in città diventando senza dubbio uno dei migliori ristoranti di Siena. Con l'aggiunta di poter vantare un rapporto qualità-prezzo ancora molto vantaggioso: il menu degustazione da 4 portate sta a 45 euro (63 con abbinamento vini), quello da 7 portate a 70€ (99 con abbinamento vini) mentre in carta antipasti e primi costano 15 euro, 20 euro i secondi, 8 euro i dolci. 

Il ristorante Campo Cedro e i bonsai

Qualche nostro recente assaggio lo trovate nella gallery fotografica qui sopra, ma quello di cui volevamo parlare non è la qualità del cibo da Campo Cedro - ormai una sicurezza - bensì una caratteristica peculiare di questa insegna: una collezione di bonsai curata, coltivata e seguita personalmente dallo chef che sta crescendo anno dopo anno. Bonsai sulla scala d'ingresso, bonsai nel terrazzo, bonsai sui tavoli esterni e anche piccoli bonsai in ogni tavolo interno. "Non so più dove metterli", racconta a CiboToday lo chef al quale negli ultimi anni vengono anche regalati alcuni alberelli da parte di clienti che volendo disfarsene decidono di affidarglieli. Ci sono viti, aceri, pini e anche arbusti trovati nei terreni del suocero e "addomesticati" con questa tecnica orientale all'insegna di potature, luce, acqua e concime. Sebbene non vi siano piante secolari, alcune iniziano ad essere monumentali; ciononostante lo chef ci confida che pur considerandoli tutti figli sono i piccoli ulivi gli alberelli cui è maggiormente affezionato. Proprio quelli che in questo periodo dell'anno sono posizionati al centro dei tavoli per far compagnia ai commensali, diventati parte integrante dell'apparecchiatura del locale.

Campo Cedro

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A Siena c'è un cuoco che coltiva decine di bonsai nel suo ristorante

CiboToday è in caricamento