Ricevi la nostra Newsletter

L'unico modo per non perderti nulla sulle novità gastronomiche suggerite da Cibotoday. Ogni mattina nella tua e-mail.

rotate-mobile
Sabato, 24 Febbraio 2024
Bologna

Una peruviana e un’emiliana hanno aperto una bottega di cose buonissime a Bologna

Caseus sta per festeggiare il suo primo anno di vita sotto i portici di Via Nazario Sauro. È la creatura di Muriel, che ha lavorato una vita da Eataly, e di Elisa, che è una delle più famose enotecarie di Bologna. Formaggi di gran selezione ma non solo

Caseus ha aperto ad aprile 2023 in Via Nazario Sauro 6. Muriel Valencia, arrivata dal Perù per studiare la gastronomia italiana, lavorava da Eataly ormai da anni e voleva finalmente puntare su un progetto suo. Elisa Argentesi, alfiera del vino naturale a Bologna e super appassionata d'arte, è la proprietaria dell’Enoteca Faccioli che Muriel frequenta spesso. Appena Muriel accenna alla volontà di aprire un progetto in proprio, Elisa non se lo fa dire due volte: “Abbiamo fatto una società cinquanta e cinquanta, abbiamo partecipato ad un bando del Comune, lo abbiamo vinto e dopo qualche mese è nato Caseus”. 

Lo spazio della bottega Caseus a Bologna

I prodotti di Caseus a Bologna

Caseus è uno scrigno di ricercatezze su molti fronti. In primo luogo naturalmente il formaggio, con referenze di grande selezione provenienti dall’Italia, la Francia e l’Inghilterra. Finalmente esposte non in un bancone, ma in un frigo a muro. Qualche nome? Mons, Fattoria Rossi, Casa Medaio, Le Ramate e Guffanti.

Sulla parete di fronte ci sono i vini naturali - frutto delle conoscenze e dei contatti di Elisa - e altri prodotti collegati al vino in una logica di filiera. Ad esempio ci sono i vini dell’isola di Salina di Nino Barraco e poi c’è in vendita il suo olio e c’è in vendita la sua pasta secca. Stesso approccio con Le Coste di Gradoli nel Lazio: vino, pasta, olio. Un lavoro di selezione gastronomica verticale raffinato. 

Non manca qualche salume eccellente, una selezione molto particolare di cioccolato grazie all’azienda Ciokarrua, le confetture di Pra da Lares, il miele piemontese di Amel. Le uova sono della startup Mamma Cocca mentre il pane solitamente è quello del Forno Calzolari, mentre il sabato si può trovare quello sfornato dal Forno Mollica di chef Aurora Mazzucchelli. Il tutto appare frutto di un significativo approfondimento, di una ricerca e di uno studio non consueti. Nella video intervista qui sopra Muriel ed Elisa ci raccontano il loro progetto. 

Caseus - formaggi e vini naturali

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Una peruviana e un’emiliana hanno aperto una bottega di cose buonissime a Bologna

CiboToday è in caricamento