Ricevi la nostra Newsletter

L'unico modo per non perderti nulla sulle novità gastronomiche suggerite da Cibotoday. Ogni mattina nella tua e-mail.

rotate-mobile
Mercoledì, 17 Aprile 2024
Mappe

La mappa dei migliori ristoranti d’albergo di Firenze

Dal grande nome fiorentino, allo chef internazionale. Dalla ristorazione in piscina, fino alle stelle Michelin. Come si mangia negli hotel di Firenze in questa mappa

La scena degli hotel di Firenze è popolatissima e non mancano strutture di alto e altissimo livello. Dentro agli alberghi è possibile trovare alcuni dei migliori cocktail bar della città, nonché le terrazze più belle e più panoramiche (le abbiamo raccontate qui). È questo il fattore che ha permesso anche alla ristorazione d’albergo di svilupparsi anche al di fuori del vecchio canone dei ristoranti per gli ospiti degli hotel. in vista di alcune novità, che dovrebbero esserci con l’arrivo in città anche di Hoxton Hotel e della catena W Hotel, del gruppo Marriott, non rimane che fare il punto su quali ristoranti si trovino all’interno delle varie strutture, aperte anche al pubblico esterno.

Atto di Vito Mollica
Luca's
B-Roof
Borgo San Jacopo
Ristorante San Paolino
Harry’s Bar The Garden
Irene
Guelfi e Ghibellini Restaurant
Winter Garden
Cibrèo Ristorante & Cocktail Bar
Ristorante

Atto di Vito Mollica

Il ristorante dello chef Vito Mollica, 1 stella Michelin, si trova all’interno di Palazzo Portinari Salviati, residenza antica e di un lusso particolare, dato che appartenne alla famiglia Portinari (lo dichiara anche il nome) di cui faceva parte la Beatrice di Dante. Nato con il nome di Chic Nonna, il ristorante ha mutato poi identità con il nuovo nome, Atto. In tavola troviamo due menu degustazione, oltre alla possibilità di ordinare alla carta. C’è La Corte degli Imperatori, a 160€, e poi c’è Grand Tour di Mare a 200€. Disponibili anche diversi abbinamenti con il vino.

Atto di Vito Mollica

Ristorante

Luca's

Inaugurato da poco (ne abbiamo parlato qui), Luca’s è il ristorante dell’hotel La Gemma, posto sotto la guida dello chef internazionale Paulo Airaudo. Nelle splendide sale verdi, con dettagli di pregio, va in tavola un menu alla carta, oppure alcune opzioni in versione menu degustazione. Parliamo del menu La Gemma, da 4 portate al prezzo di 115€, ma anche del menu Smeraldo, in 8 portate a 175€.

Lucas' Ristorante Firenze

Cocktail bar

B-Roof

Al B-Roof del Grand Hotel Baglioni lo skyline della città si mostra in tutta la sua profondità. Al quinto piano di questo indirizzo storico fiorentino, un lussuoso hotel situato vicino alla stazione ferroviaria di Santa Maria Novella, il B-Roof è tra le terrazze più famose della città. Gettonatissimo dai turisti, e molto amato dai residenti, si viene per un cocktail al tramonto o per cenare nei suoi spazi eleganti con la Cupola del Brunelleschi sullo sfondo. Menu internazionale con incursioni locali: antipasti dai 18 ai 26€, primi piatti dai 20 ai 28€, secondi dai 24 ai 26€.

B-Roof a Firenze

Ristorante

Borgo San Jacopo

Il ristorante 1 stella Michelin dell’hotel Lungarno Collection si affaccia direttamente sulla bellezza del fiume Arno, regalando uno scorcio imperdibile di Firenze. Qui la cucina è nelle mani dello chef Claudio Mengoni che ha saputo portare in tavola due menu degustazione diversi. Il ristorante riapre ufficialmente per la nuova stagione il giorno 1 marzo del 2024.

Borgo San Jacopo

Ristorante

Ristorante San Paolino

È il ristorante (ma c’è anche il bar) dell’hotel 25 Hours di Firenze, tutto ispirato a purgatorio e inferno, con un arredamento assolutamente non canonico (ne abbiamo parlato qui). Il ristorante, aperto a pranzo, nel pomeriggio e anche a cena, rispetta questo filone, tipico di tutta la compagnia, e si trova all’interno di una sala enorme sormontata da una cupola in vetro e da un mastodontico camino. Un posto sicuramente per chi cerca qualcosa un po’ fuori dal comune.

Il ristorante San Paolino del 25hours di Firenze, ph. DarioGarofalo

Ristorante

Harry’s Bar The Garden

Si trova all’interno dell’hotel Sina Villa Medici, Autograph Collection con un bel giardino e patio esterno con piscina, dove scegliere di mangiare o bere un drink. A Firenze, come sanno bene i fiorentini, c’è l’Harry’s Bar Firenze della stessa famiglia, fondato nel 1953 sul Lungarno da Enrico Mariotti e Raffaello Sabatini, amici del leggendario Giuseppe Cipriani, da cui prendono spunto per l’offerta e i cocktail. Il giardino dell’hotel è stato aperto invece nel 2011.

sina Villa Medici

Ristorante

Irene

All’interno dell’imponente Hotel Savoy, che si trova proprio in centro a Piazza della Repubblica, con suites particolarmente lussuose, c’è Irene, il ristorante dove convergono le ricette dello chef Fulvio Pierangelini, che spazia nel mondo della cucina italiana e qualche proposta dal tocco più internazionale. L’insegna infatti fa parte del gruppo Rocco Forte Hotels. Può contare anche su un bel bar e su un dehors elegante e riparato.

Irene Ristorante Fulvio Pierangelini-2

Ristorante

Guelfi e Ghibellini Restaurant

Il ristorante dal nome storico e patriottico si trova all’interno dell’hotel di lusso Santa Croce, che fa sempre parte del gruppo Baglioni Hotels. In cucina troviamo lo chef Antonino Pepe che lavora solo per la cena (ma il ristorante è anche il luogo delle colazioni) in una sala d’altri tempi. Il menu è, inaspettatamente alla carta. Ci si muove tra antipasti (tra i 16 e i 32€), primi (tra i 16 e i 22€), secondi (tra i 20 e i 45€).

Guelfi e Ghibellini

Ristorante

Winter Garden

Nella cucina del prestigioso hotel di lusso St. Regis, troviamo lo chef Gentian Shehi che si occupa di preparare il menu per questo luogo, aperto sia a pranzo che a cena sotto lo sguardo di un imponente lampadario di Murano. Grazie alla presenza del vicino bar, ci sono menu di tutti i tipi, fino ad arrivare a quello dell’afternoon tea del pomeriggio o per le occasioni speciali. C’è anche un menu della pizza, tra le varie proposte.

Winter Garden Bar & Restaurant-2

Ristorante

Cibrèo Ristorante & Cocktail Bar

È il ristorante (con bar) dell’hotel Helvetia & Bristol di Firenze, gruppo Starhotels (a Roma abbiamo raccontato la storia dell’Hotel d’Inghilterra della stessa proprietà). Qui si è voluto portare un nome noto da anni della ristorazione fiorentina per accontentare i gusti degli ospiti in visita. L’architetto Massimo Adario ha curato la progettazione del ristorante all’interno della nuova ala dell’hotel, che un tempo ospitava la Banca di Roma. A colazione invece, ci sono i dolci di Iginio Massari in uno spazio dedicato.

Cibreo Ristorante e Cocktail Bar

CiboToday è anche su Whatsapp, è sufficiente cliccare qui per iscriversi al canale ed essere sempre aggiornati

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

CiboToday è in caricamento