Ricevi la nostra Newsletter

L'unico modo per non perderti nulla sulle novità gastronomiche suggerite da Cibotoday. Ogni mattina nella tua e-mail.

rotate-mobile
Mercoledì, 24 Aprile 2024
Mappe

Dove mangiare, dormire e bere intorno al Lago di Caldaro in Alto Adige

Una lista di idee per soggiornare, riposarsi, allenarsi e conoscere i vini della zona in una porzione molto apprezzata del Nord Italia

Il Lago di Caldaro è una splendida meta per un week end all’insegna di prelibatezze enogastronomiche, escursioni, sport e benessere. Il più grande lago dell’Alto Adige rende il clima della zona particolarmente mite, con sfumature quasi mediterranee. Il territorio è ricco di itinerari per percorsi di trekking, escursioni sul massiccio della Mendola o rilassanti passeggiate a piedi, in bicicletta o a cavallo. Per gli amanti degli sport acquatici, il lago offre la possibilità di praticare canoa, stand up paddle, windsurf e vela. A pochi minuti da Caldaro, il centro sportivo di Castelvecchio mette a disposizione degli appassionati di tennis cinque campi in terra battuta, un campo in sintetico e un campo coperto. Chi ama rilassarsi sui campi da golf può scegliere tra diverse strutture che si trovano a circa mezz’ora d’auto da Caldaro: il Golf Club d’altitudine a Monte San Pietro, il Dolomiti Golf Club di Sarnonico, il Golf Club di Appiano e di Lana.

Cosa si mangia (e si beve) nella zona del Lago di Caldaro

I buongustai potranno deliziarsi con gli ottimi vini locali e con le specialità del territorio: speck, salami affumicati, zuppa d’orzo, canederli, schlutzkrapfen e l’immancabile schlachtplatte a base di carne di maiale affumicata, costine, salsicce, sanguinaccio e crauti. Il vino più tipico della zona è il Kalterersee, realizzato con schiava grossa, schiava gentile e schiava grigia. Si tratta di un rosso fragrante, caratterizzato da profumi floreali, aromi di piccoli frutti a bacca rossa, tannini delicati, un sorso leggero e fresco, che chiude su note piacevolmente ammandorlate. Ma non mancano bianchi interessanti realizzati con i più importanti vitigni internazionali. Abbiamo selezionato alcuni hotel e le migliori cantine per scoprire il fascino del lago altoatesino.

Romantik Art Hotel Jagdhof
Lake Spa Hotel Seeleiten
Parc Hotel am See
Das Panorama Design Hotel
Cantina Kaltern
Manincor
Tenuta Ritterhof
Peter Sölva
Castel Sallegg
Lieselehof
Albergo

Romantik Art Hotel Jagdhof

Il Romantik Art Hotel Jagdhof è un wellness hotel ospitato in un antico palazzo d’epoca perfettamente ristrutturato, che si trova nel centro storico di Caldaro. Le camere e le suite sono arredate in stile moderno ed essenziale con parquet e mobili in legni pregiati. A disposizione degli ospiti una SPA con sauna, bagno turco, cabina infrarossi, area relax e una piscina coperta con acqua marina. Il ristorante dell’Hotel offre una cucina tradizionale, basata sulle antiche ricette di famiglia. In cucina si utilizzano solo prodotti locali e regionali. Le verdure arrivano dall’orto privato e il pane è fatto in casa.

Romantik Arthotel-2

Albergo

Lake Spa Hotel Seeleiten

Il Lake Spa Hotel Seeleiten offre l’esperienza di una vacanza wellness di puro piacere. Immersa nei vigneti, la moderna struttura in legno si trova a soli 300 metri dal Lago di Caldaro. Le camere sono molto spaziose e luminose, arredate con mobili in legno dal design moderno e funzionale. La spiaggia privata consente di godersi la bellezza del lago e la possibilità di praticare sport acquatici. Chi preferisce il relax, ha a disposizione due piscine, una all’aperto e una all’interno della struttura con acqua riscaldata a 32 C°, oltre a un’area SPA con sauna panoramica finlandese, biosauna, bagno turco, cabina a infrarossi, bagno di fieno e grotta di sale. Il ristorante propone una cucina gourmet che rivisita i piatti tipici della tradizione in chiave creativa e moderna, ma sempre fedele ai sapori autentici e agli ingredienti tipici del territorio. Ai piatti potrete abbinare i vini della cantina Moser o le birre del birrificio Mendelbier.

Lake Spa Hotel Seeleiten

Albergo

Parc Hotel am See

Il Parc Hotel am See è la scelta ideale per chi desidera trascorrere un week end rilassante. Camere spaziose e accoglienti, ampi spazi verdi, spiaggia privata tra le betulle, una gita in barca sul lago, un aperitivo in terrazza, un bagno nella piscina riscaldata, una sauna o un momento di introspezione nella sala yoga e meditazione, sono gli ingredienti di una vacanza rigenerante e disintossicante. Si aggiunge poi un parco di oltre 4000 metri quadrati, vigneti, boschi e una rete di sentieri di 120 km consentono di dedicarsi a passeggiate, percorsi di trekking ed escursioni. La struttura ospita un ristorante gourmet gestito dallo Chef Othmar Oberhammer. La sua cucina è basata sui prodotti freschi di stagione e sui piatti della tradizione altoatesina. Eccellente la carta vini.

Parc Hotel Caldaro Alto Adige

Albergo

Das Panorama Design Hotel

Sintesi di natura e design, Das Panorama è un hotel perfettamente integrato nel paesaggio del Lago di Caldaro. Le camere, tutte in legno, sono state realizzate con uno stile raffinato e minimalista. Per un momento di relax sono a disposizione degli ospiti una zona benessere con sauna finlandese all’aperto e vetrata panoramica, sauna biologica, bagno turco, grotta salina, vasche idromassaggio e sala fitness. Il Bistrot, riservato esclusivamente agli ospiti dell’Hotel, offre piatti tipici della gastronomia dell’Alto Adige e un buffet di insalate fresche.

Das Panorama Design Hotel-2

Azienda Agricola

Cantina Kaltern

È una tra le più importanti dell’Alto Adige. È nata all’inizio del ‘900 e oggi rappresenta una grande realtà cooperativa che gestisce 450 ettari di vigneti, proprietà di 650 soci. Vera icona del territorio del Lago di Caldaro, può contare su parcelle situate in zone molto vocate. La moderna cantina, con annessa vinoteca, è stata realizzata su diversi livelli in modo da poter lavorare sfruttando la forza di gravità e preservando così l’integrità di mosti e vini. La produzione è suddivisa in diverse collezioni, tra cui spiccano i vini della prestigiosa linea Quintessenz, in particolare: Sauvignon Blanc, Cabernet Sauvignon, Pinot Bianco, Kalterersee e Moscato Giallo dolce.

Cantina Kaltern

Albergo

Manincor

La Tenuta Manincor ha sede in uno storico maso costruito nel 1608 da Hieronymus Manincor. La nascita dell’attuale cantina risale al 1991, quando il suo discendente Michael Goëss-Enzenberg ha deciso non conferire più le uve alle cantine cooperative, per creare una propria azienda. Fin dall’inizio è stata riservata la massima attenzione alla gestione dei vigneti abbandonando l’utilizzo di sostanze chimiche, per approdare nel 2006 alla coltivazione biodinamica di tutta la tenuta. Per rispettare il paesaggio e le antiche architetture della proprietà, la nuova cantina è stata costruita sottoterra, con il vantaggio di avere anche condizioni naturali di temperatura e umidità per l’affinamento dei vini. Manincor propone una gamma di etichette di assoluta eccellenza, tra cui spiccano il Pinot Bianco Eichhorn, il Sauvignon Blanc Lieben Aich, il Pinot Nero Mason di Mason e il taglio bordolese a base di cabernet franc e merlot Castel Campan.

Manincor

Azienda Agricola

Tenuta Ritterhof

La Tenuta Ritterhof gestisce complessivamente circa 40 ettari, tra vigneti di proprietà e appezzamenti di piccoli conferitori locali. Le vigne sono coltivate nella zona collinare che circonda il Lago di Caldaro, su terreni di antica origine morenica, ricchi di sabbie e ghiaia. La gamma dei vini esprime perfettamente le caratteristiche di un territorio fresco e solare, che consente di portare a piena maturazione uve ricche di profumi e aromi. Tra le etichette della linea Collis ricordiamo: il Pinot Bianco Versus, il Gewürztraminer Auratus e il Lago di Caldaro Classico Superiore Novis. La tenuta ospita anche un ristorante con vista sui vigneti del Lago di Caldaro. Lo Chef Simon Grunser propone piatti tipici della cucina locale realizzati con materie prime accuratamente selezionati e provenienti da piccoli produttori del territorio.

Tenuta Ritterhof

Azienda Agricola

Peter Sölva

La Tenuta Peter Sölva rappresenta un pezzo di storia del vino di Caldaro. È stata fondata nel 1713 ed ha conservato nel corso dei secoli una dimensione familiare. Dopo dieci generazioni, oggi possiede 12 ettari con vigneti situati a un’altitudine compresa tra i 250 e i 600 metri sul livello del mare. I vitigni più coltivati sono quelli classici dell’area di Caldaro: pinot bianco, sauvignon blanc, chardonnay gewürztraminer, schiava, lagrein, cabernet sauvignon, cabernet franc e pinot nero. I vini sono suddivisi in due collezioni: De Silva è frutto delle uve provenienti da vecchie vigne e Amistar di vendemmie tardive, che conferiscono ai vini una notevole intensità aromatica e un sorso denso e ampio. La vecchia cantina, con caratteristiche volte in pietra, ospita il ristorante Spuntloch Dine & Wine gestito dallo chef Florian Kritzinger. La cucina propone piatti della tradizione altoatesina seguendo la stagionalità dei prodotti del territorio. Da provare le paste fatte in casa, la carne di vitello e manzo alpino cotta su pietra lavica, il filetto di maialino fritto, con punte di asparagi, patate e salsa bolzanina o l’agnello rosa arrosto, strudel di patate, verdure e salsa olandese.

Peter Sölva

Azienda Agricola

Castel Sallegg

La cantina Castel Sallegg si trova nella frazione Mitterdorf di Caldaro. Fin dal XVI secolo coltiva vigneti e ancora oggi è un importante punto di riferimento dell’area. La tenuta si estende su 30 ettari, coltivati sia con uve a bacca bianca, che a bacca rossa. I vini sono realizzati in modo classico e tradizionale ed esprimono con fedeltà le caratteristiche del terroir. Tra le etichette spiccano il Lago di Caldaro Classico Superiore, il Merlot Riserva Nussleiten, il Pinot Blanc Leopoldine e lo Chardonnay Marei.

Castel Sallegg

Azienda Agricola

Lieselehof

La cantina Lieselehof è stata fondata nel 1993 con l’intento di produrre vini nel massimo rispetto dell’ambiente. Le vigne della tenuta salgono dalle rive del Lago di Caldaro fino ai 1200 metri del Passo della Mendola. La ricerca di una viticoltura sostenibile ha spinto Lieselehof ad avvicinarsi al mondo dei vitigni Piwi, frutto di incroci tra la vitis vinifera europea e viti americane o asiatiche. Si tratta di varietà resistenti alle più comuni malattie della vite e che quindi non richiedono l’utilizzo di trattamenti. Alcuni dei migliori vini di Lieselehof nascono proprio da vitigni Piwi. Assolutamente da provare il Metodo Classico Brut realizzato con souvignier gris, il bianco Julien prodotto con bronner e johanniter e il Vino del Passo a base di solaris.

Lieselehof

CiboToday è anche su Whatsapp, è sufficiente cliccare qui per iscriversi al canale ed essere sempre aggiornati

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

CiboToday è in caricamento