Ricevi la nostra Newsletter

L'unico modo per non perderti nulla sulle novità gastronomiche suggerite da Cibotoday. Ogni mattina nella tua e-mail.

rotate-mobile
Martedì, 25 Giugno 2024
Torino

Fare la colazione salata a Torino? Una guida in 20 indirizzi

Quali sono i migliori caffè, gastronomie e pasticcerie dove ordinare pancake e uova strapazzate? Oppure i classici tramezzini, che sono nati proprio qui

Anche a Torino sono in tanti – torinesi e turisti – a preferire il salato a colazione. Lo conferma la nostra selezione di caffetterie storiche, bistrot vegani e panetterie contemporanee dove la giornata inizia con un caffè e un croissant farcito, però con salumi e formaggi. Sempre non si voglia approfittare dei buffet degli hotel, ai quali di solito hanno accesso anche gli ospiti esterni (anche se a un prezzo un poco più sostenuto). In alternativa si può optare per pancake e uova strapazzate oppure per un classico tramezzino, che è stato inventato proprio in un bar della città. Vi raccontiamo dove.

Bar Zucca
Café Lumière
Caffè Mulassano
Caffè San Carlo
Convitto Cafè
Farmacia Del Cambio
Gaudenti 1971
Gerla 1927
Gocce di cioccolato
La colazione di Sara
Lanificio San Salvatore
Maggiora
Orso Laboratorio Caffè
Perino Vesco
Piattini Caffè & Vini
Pfatisch
Samambaia
Seta
Soul Kitchen
Tauer Bakery

Bar Zucca

Colonna degli aperitivi torinesi sin dagli anni ’20 — quando i creatori del celebre liquore al rabarbaro decisero di diversificare l’attività — il Bar Zucca si è spostato nel 2003 dai portici di via Roma all’attuale sede di via Gramsci. Il bancone in marmo è un tocco moderno in un ambiente elegante, dove a colazione si servono cappuccini impeccabili da accompagnare anche a proposte salate. Il tramezzino al mascarpone tartufato è un must.

Le brioches salate di Bar Zucca

Café Lumière

Il Café Lumière si trova a San Salvario, quartiere molto movimentato di sera ma più tranquillo al risveglio. Musica classica in sottofondo, boiserie e un’infilata di barattoli di vetro che contengono tisane di tutti i tipi. Qui si viene per la sardenaira, una focaccia rossa della tradizione ligure condita con olive taggiasche, capperi, acciughe e aglio. Sì, anche a colazione. Ci sono poi panini formato mignon da gustare, volendo, nella veranda esterna.

La sala di Café Lumière

Cocktail bar

Caffè Mulassano

Il Caffè Mulassano, fondato nel 1879 e dal 1907 nella centrale piazza Castello, è tra le insegne dell’Associazione Locali Storici d’Italia. Ordinare la colazione qui è un po’ fare un salto indietro di un secolo, con la possibilità di assaggiare il tramezzino più originale che ci sia. Fu addirittura D’Annunzio a dare il nome al panino che negli anni ’20 i proprietari Angela e Onorino Nebiolo iniziarono a proporre ispirandosi ai toast americani. La loro versione, però, prevedeva del pane soffice e farciture più ricche, esattamente come si prepara oggi. Un morso di storia.

I tramezzini di Caffè Mulassano

Caffè San Carlo

A 200 anni esatti dalla sua apertura, il Caffè San Carlo si è rinnovato alla fine del 2022. Marmi, stucchi e atmosfera raffinata restano le stesse, ma in cucina — e a firmare le proposte al banco — sono arrivati i fratelli chef Christian e Manuel Costardi. Lo storico luogo di ritrovo di personalità e bel mondo torinese è oggi lo spazio ristorativo delle Gallerie d’Italia, uno dei musei di Intesa San Paolo, e resta aperto 7 giorni su 7 da mattina a sera. Fateci un salto a colazione, quando non mancano le opzioni salate: croissant, panini farciti, avocado toast e uova strapazzate con pane tostato. Ottimo anche il caffè.

Caffè San Carlo-3

Convitto Cafè

In pieno centro città, non distante dal Museo Egizio, c’è la torteria, bistrot e caffetteria Convitto. La carta dei tè e degli infusi comprende 50 miscele da tutto il mondo, ma ci sono anche spremute e centrifugati freschi che si accompagnano bene con i pancake. Quelli salati sono serviti con salmone affumicato, zucchine e formaggio cremoso e sono ottimi pure a merenda o per un pranzo al volo. Le proposte vegane sono numerose, anche tra i dolci.

Un pancake di Convitto Caffè

Farmacia Del Cambio

Accanto a Del Cambio, uno dei ristoranti preferiti del conte Camillo Benso di Cavour (aperto nel 1757), c’è un’antica farmacia che la proprietà ha rilevato e trasformato in raffinata caffetteria. Gli arredi in legno, i cristalli e le vetrine raccontano un’epoca che non c’è più, ma la cucina è assolutamente contemporanea. Lo chef Matteo Baronetto si occupa della pasticceria e della gastronomia, con tanti prodotti da acquistare e portare a casa. Accomodatevi a uno dei tavolini in marmo ai bordi di piazza Carignano e ordinate uno dei lievitati più fragranti della città, anche in versione salata.

Farmacia Del Cambio

Gaudenti 1971

Gaudenti è un forno e pasticceria aperto al centro di Torino nel 1971, oggi con due diversi punti vendita. La prima colazione salata è importante quanto quella la dolce e la focaccia ligure, in particolare, riscuote grande successo. Provatela insieme al cappuccino, come fanno i genovesi doc. Il banco, lunghissimo e curato, è affollato anche di toast, tramezzini e croissant farciti.

Colazione da Gaudenti

Gerla 1927

Nella sede di Corso Vittorio di Gerla, l’atmosfera è sabauda e signorile ma sempre accogliente. I marron glacé sono deliziosi, ma qui parliamo di colazione e dunque elenchiamo i croissant (ce ne sono 25 tipi, molti in versione salata), i tramezzini al salmone affumicato, i bottoni ripieni con salumi e formaggi e i mini krapfen con robiola, erbette e prosciutto crudo. Vale la pena passare anche all’ora dell’aperitivo, quando gli stuzzichini arrivano a tavola su eleganti alzatine. Gerla ha altre due sedi, nel quartiere Crocetta e in via Lagrange.

La sala di Gerla

Gocce di cioccolato

Maurizio Galiano e Ivano Bianco hanno aperto questo locale nella periferia nord di Torino nel 2002 con l’obiettivo di realizzare una pasticceria di alta qualità da affiancare all’attività di micro-torrefazione. I chicchi verdi monorigine sono selezionati e tostati da loro e il caffè è estratto con cura. La colazione salata, qui, ha una vera star: il bombolone realizzato con lo stesso impasto della variante dolce (da lievito madre), fritto velocemente in olio di girasole per restare asciutto e leggero. Si taglia a metà e farcisce con formaggi, affettati o verdure. Una delizia che mette d’accordo tutti.

Il bombolone salato di Gocce di cioccolato

La colazione di Sara

Lo dice anche il nome: da Sara (ex blogger con la passione per la cucina) la colazione è davvero il pasto più importante della giornata. Il locale, di dimensioni ridotte ma con qualche tavolino all’esterno, offre preparazioni adatte anche a chi ha restrizioni alimentari. Molte proposte sono infatti prive di lattosio, di uova oppure vegane, come il “panino felice”: uno snack speciale preparato nei weekend con ricette sempre diverse. Un esempio? Quello a base di farina di mais e farro, con ricotta vegana fatta in casa, pomodori secchi, anacardi e semi di zucca. 

La colazione di Sara

Lanificio San Salvatore

Nel cuore di San Salvario, il Lanificio San Salvatore apre le porte tutti i giorni alle 18. Di sabato e domenica, però, si può andare di mattina per approfittare di una colazione assortita che è più opportuno chiamare brunch. In carta ci sono uova strapazzate, in camicia o in versione omelette con bacon o salsiccia. Poi il club sandwich con farcitura classica di pollo, pomodoro, lattuga e bacon, i pancake salati, i croque madame e monsieur, l’avocado toast e gli smørrebrød scandinavi, a base di pane di segale e salmone. Atmosfera internazionale.

La colazione del Lanificio San Salvatore

Maggiora

Un locale aperto 36 anni fa da Sergio Sechi in Borgo Crimea — elegante quartiere nel quadrante sud-est — il Maggiora è un bar piccolo ma accogliente, con scaffalature colme di bottiglie (è aperto da colazione fino a sera inoltrata). Il pezzo forte, a dire la verità, è dolce e porta il nome di “vipera”: un croissant ricoperto di granella di zucchero particolarmente croccante. Insieme al primo caffè del mattino però si può chiedere una brioche salata con prosciutto e maionese, qualche pizzetta rossa, una fetta di focaccia farcita oppure uno dei delicati panini semi-dolci al prosciutto cotto. All’ora di pranzo diventa gastronomia, con un banco di proposte fredde e calde, mentre per cena ci si sposta al ristorante Gran Maggiora, dietro l’angolo.

La colazione di Maggiora-2

Orso Laboratorio Caffè

Un’altra insegna di San Salvario, questa volta dedicata principalmente al caffè specialty. Sulla parete c’è una mappa del mondo che mostra da dove arrivano i monorigine, tutti macinati al momento. Il caffè si serve espresso, estratto a filtro o addirittura con la moka, proprio come a casa. Da Orso la colazione si può fare anche salata, con un panino farcito formato mignon da mangiare al bancone o seduti a uno dei tavolini alti.

Il caffè di Orso

Perino Vesco

“Fornai in Torino” da più di un decennio, Andrea Perino e Chiara Vesco offrono nella loro bakery tutto il necessario per una buona colazione salata all’italiana. Il pane è naturalmente il prodotto di punta, declinato in forma di bruschette o tramezzini farciti, da ordinare anche di mattina in molte varianti: salsiccia di Bra e soncino, salmone e guacamole o cotto e formaggio. La focaccia ligure e la spianata romana (anche ripiena di mortadella) portano in viaggio per altre regioni.

Le proposte salate di Perino Vesco

Piattini Caffè & Vini

In questa caffetteria specialty che di sera si trasforma in enoteca di vini naturali, c’è la possibilità di fare colazione dolce o salata tutti i giorni. Ma nel weekend, però, ha una marcia in più. Di sabato e domenica Piattini serve un vero e proprio brunch: sulla madia ci sono croissant, biscotti e torte, mentre dalla cucina arrivano croque madame espressi con prosciutto cotto al fieno La Granda, French toast, uova bio strapazzate o al padellino, crostoni, nonché assaggi di giardiniera e insalata russa. Tutto fatto in casa.

Il brunch di Piattini Caffè e Vini

Pfatisch

Pfatisch è un caposaldo dell’arte dolciaria torinese fin dall’apertura nel 1915: lo dimostra il piccolo museo dedicato alla cioccolateria che si trova sotto al locale, con macchinari originali dei primi del Novecento. La sua pasticceria salata conta oltre 80 referenze ed è stata premiata come migliore d’Italia secondo la guida Pasticceri & Pasticcerie del Gambero Rosso. Qui infatti è possibile ordinare per colazione una selezione di tartine e canapé creativi, oppure una fetta di torta gastronomica (una preparazione salata a base di pasta sfoglia, frolla o brisé, farcita con verdure, salumi, uova o formaggi). Ammirate le vetrine eleganti e date un’occhiata al palazzo che le ospita: un meraviglioso esempio di architettura Liberty.

Bagel di Pfatisch

Samambaia

Un angolo di Francia nel centro di Torino, Samambaia nasce nel 1910 come torrefazione nel quartiere San Salvario. La sede non è cambiata e l’atmosfera che si respira conserva il fascino del secolo scorso. Il caffè si tosta ancora con una macchina del 1950 e si serve insieme alle frittelle di mela, un grande classico del locale. Per colazione si trovano però tutti i giorni anche paninetti e croissant salati, ottimi anche a merenda.

Samambaia

Seta

Uno spazio minimale e accogliente che si presenta come “sala da tè culturale”, nato dalla passione dei proprietari per l’estremo oriente. Qui c’è un bel dehors all’aperto, particolarmente gradevole in primavera. Ogni domenica, tra le 11 e le 14, da Seta si serve un brunch a base di bao (panini della gastronomia asiatica cotti al vapore) e dorayaki (dolcetti giapponesi simili ai pancake). Durante la settimana si può comunque passare dalla tarda mattinata e ordinare una delle tante proposte vegane, dolci e salate. Il tè, inoltre, si serve anche all’ora dell’aperitivo, addirittura in versione frizzante.

La sala di Seta

Soul Kitchen

Il menu di Soul Kitchen è diviso in tre parti, una per ciascuno dei pasti principali e tutte all’insegna della “creatività vegetale”. In cucina c’è Luca Andrè — chef con un passato in cucine importanti — che per colazione prepara i classici internazionali: non mancano mai avocado toast e pancake. La carta dei caffè, ampia e con referenze di qualità, si aggiunge a quella degli estratti e dei frullati. Anche in versione “salutista”, con banana, datteri, fave di cacao e proteine in polvere. Per chi tiene alla forma.

La sala di Soul Kitchen

Tauer Bakery

In questa bakery poco distante dal parco del Valentino la colazione parla inglese. Le ricette, infatti, sono prevalentemente britanniche, con un’ampia scelta di dolcetti come cupcake e muffin. Ma i pancake non sono da meno, e si possono ordinare persino su un vassoio da dieci pezzi, completo di condimenti dolci e salati. Ci sono poi toast di tutti i tipi — con avocado e salmone, eggs&bacon, hummus speziato alla paprika — e numerose opzioni vegane.

English breakfast di Tauer Bakery

CiboToday è anche su Whatsapp, è sufficiente cliccare qui per iscriversi al canale ed essere sempre aggiornati

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

CiboToday è in caricamento