Ricevi la nostra Newsletter

L'unico modo per non perderti nulla sulle novità gastronomiche suggerite da Cibotoday. Ogni mattina nella tua e-mail.

rotate-mobile
Martedì, 27 Febbraio 2024
Mappe

La mappa delle migliori pasticcerie di Torino

Dolcetti, praline, torte, bicerin, cioccolata calda, persino gelato accompagnato o meno da eleganti ciuffi di panna: Torino è tra le capitali del dolce in Italia e questa mappa lo dimostra

Tra le capitali italiane del dolce (e del cioccolato) Torino ha da sempre un posto di assoluto rilievo. Tra i caffè storici e le nuove insegne, la strada per gli appassionati di dessert è costellata di tappe che possono accontentare i gusti di tutti: da un bicerìn fatto a mestiere, fino alle torte di design della pasticceria moderna. È un universo pieno di riferimenti interessanti, dove le arti dolciarie della città sabauda si mescolano con la pasticceria internazionale, dove le ricette locali si affiancano a quelle più squisitamente italiane. Ecco le nostre pasticcerie di Torino preferite per non perdere una tappa zuccherosa in città.

Caffè San Carlo
Fabrizio Racca
Farmacia Del Cambio
Pasticceria Sabauda
Gaudenti 1971
Pasticceria Capello
Gerla 1927
Pasticceria Tamborini
Stratta
Gocce di cioccolato
Pfatisch
Caffè Fiorio 1780
Caffè Baratti & Milano
Caffè Platti 1875
Pasticceria Abrate

Caffè San Carlo

Il Caffè San Carlo si trova nella piazza omonima da poco più di 200 anni. È stato infatti inaugurato nel 1822, ed esattamente due secoli dopo ha riaperto con un corso rinnovato, all’interno delle Gallerie d’Italia di Intesa San Paolo. Lo conduco i fratelli Christian e Manuel Costardi che hanno rinnovato la linea di pasticceria con “pain au gianduia”, danesi con curd di frutti di bosco, nonché il nuovissimo croissant La Carla, a forma di occhio. Il caffè è quello specialty di 1895, tè e tisane dalla selezione La Via del Tè, poi bicerìn, cioccolate calde di Peyrano, e lo zabaione, che sotto le feste accompagna anche il panettone grigliato. Quello artigianale fatto in casa, tra i migliori della città.

La caffetteria di Caffè San Carlo a Torino

Pasticceria-Panificio

Fabrizio Racca

La pasticceria moderna sfila con grande impatto visivo sfila sui banchi di Fabrizio Racca, sia nella sede di Corso Vittorio che di Via San Marino. Le sue torte, in particolare, sono piccoli capolavori di pulizia delle forme e dei colori, dalla più consueta torta ai tre cioccolati, per arrivare poi alla geometrica torta con bavarese alla nocciola, vaniglia e caramello salato. Non mancano le monoporzioni e i dolci preparati per i grandi eventi. Per Natale, i tronchetti e le palline di cioccolato che sembrano delle palline di Natale ma edibile, o il pandoro in versione mini.

Fabrizio Racca

Farmacia Del Cambio

Nella centralissima Piazza Carignano, la proprietà dello storico ristorante Del Cambio ha rilevato un’antica farmacia che è stata trasformata in pasticceria. Arredi in legno, cristalleria e vetrine dal fascino antico, che mostrano invece un assortimento di dolci ultra contemporanei. Come gli ormai famosi Crubik (i croissant a forma di cubo, diventati virali), ma anche il pain suisse, la girella con gocce di cioccolato e arancia e la brioche al cacao farcita di crema al gianduia. Poi torte moderne e monoporzioni raffinate. Ci sono anche lievitati salati, perfetti per colazioni alternative; mentre per Natale, infine, arriva il Giandoro, un pandoro a forma di gianduiotto.

Il Crubik di Farmacia del Cambio

Pasticceria-Panificio

Pasticceria Sabauda

Un elegante fusione tra antico e moderno ha dato il via a questo indirizzo, nato da professionisti che arrivano dal campo della moda. Nomen omen, questo indirizzo conserva lo spirito e l’identità del capoluogo sabaudo, riversando nelle sue mignon e nei pasticcini una garbata eleganza. Torte classiche, marron glacé, pasticcini, biscotti, dolci monoporzioni, ma anche cioccolate e tè accolgono gli ospiti, dalla mattina con cornetti e lievitati, per arrivare alla sera con canapè per l’aperitivo o toast. Ai classici si affiancano le creazioni moderne, da gustare seduti anche ai tavolini interni.

Pasticceria Sabauda

Gaudenti 1971

Nel centro di Torino dai primi Anni Settanta, Gaudenti è un forno e pasticceria con due diversi punti vendita. Buona scelta di croissant con fantasia di farciture — zabaione, confetture, gianduia — poi una linea di pralineria e cioccolato, i mignon e le torte. Quest’ultime sia classiche che in vesti più moderne. Non mancano i biscotti e una buona scelta di salati, con focacce, brioche e pizzette adatte a colazione, merenda oppure a un veloce pranzo.

Colazione da Gaudenti

Pasticceria-Panificio

Pasticceria Capello

Questo indirizzo storico per la pasticceria, nato nel 1965, non ha temuto di rinnovarsi, grazie al lavoro del pasticciere Giancarlo Alosa. Così, da Capello, i classici cabaret di pasticcini, si affiancano a torte di pasticceria moderna, si lavora dalla colazione all’aperitivo con bicerin, sfogliati, torte monoporzione e dolci di design, come li chiama il suo creatore, lasciando spazio a un ampio lavoro con il cioccolato, come consuetudine a Torino. A Natale compaiono i panettoni e le creazioni di cioccolato, per l’ora dell’aperitivo i canapè, poi anche il gelato in estate.

Pasticceria Capello

Gerla 1927

Gerla conta oggi tre sedi in città, ed è al lavoro da quasi un secolo. Per colazione i croissant arrivano a ben 25 varietà, ma ci sono anche mignon di tutti i tipi, biscotteria secca (da non perdere i baci di dama con ganache al cioccolato), crostate semplici e più elaborate torte glassate. Oltre ai marron glacé canditi in casa, questa pasticceria è conosciuta anche per il cioccolato: dalle tavolette con nocciole delle Langhe ai gianduiotti, senza tralasciare le creme spalmabili.

Gerla 1927

Pasticceria-Panificio

Pasticceria Tamborini

In Via Giuseppe Garibaldi, le lettere dorate dell’insegna di Pasticceria Tamborini non lasciano indifferenti i passanti, nonché le vetrine dalle quali si intravedono molte specialità. L’insegna è storica, centenaria: qui si viene sia per comprare dolciumi e torte d’asporto, che per fermarsi a fare colazioni e aperitivi. Tra i must della casa, i biscotti realizzati qui, le torte sia classiche che moderne, le monoporzioni, la cioccolata calda, il caffè e il bicerin. Deliziose e invitanti le crostatine.

Pasticceria Tamborini

Bar

Stratta

La storia degli Stratta comincia nel 1836, quando i nonni Oreste e Luisa arrivano dal Venezuela e aprono un negozietto in Piazza San Carlo che, pur con le sue piccole metrature, impiega poco tempo a farsi conoscere ed apprezzare. Oggi ai dolci si aggiungono anche i catering e i banchetti, tanti almeno quanti gli anni di vita. Tra pasticceria secca e fresca, biscotti e dolci cremosi, l’imbarazzo della scelta va preventivato ancor prima di varcare la soglia. Si possono scegliere sia i vassoi di paste che le torte con le ricette della casa, come la golosa torta gianduja, con nocciole, cioccolato gianduja e cioccolato. Cioccolatini, praline, tavolette e panettoni si acquistano anche online.

Stratta

Gocce di cioccolato

Maurizio Galliano e Ivan Bianco hanno aperto Gocce di cioccolato nel 2002 alla periferia nord di Torino, per affiancare alla micro-torrefazione una pasticceria di buon livello. Buoni gli sfogliati per la colazione — come il bauletto alla crema pasticciera, da lievito madre — e ottimi i krapfen: una vera firma del locale, da farcire con creme ma anche salumi e formaggi. Torte moderne ben realizzate, cioccolatini ripieni e sotto le feste panettoni in varie ricette (ad esempio gianduia e pere, cioccolato e caramello salato, amarene e fondente): non manca nulla.

Gocce di Cioccolato -2

Pfatisch

Una cioccolateria e pasticceria di riferimento nel capoluogo fin dall’apertura nel 1915. Un secolo abbondante di storia che ha lasciato le sue tracce anche nel piccolo museo di cioccolateria, che si trova proprio al di sotto del locale. Da Pfatisch non c’è comparto che non sia soddisfatto: dai lievitati per la colazione o per le festività ai cioccolatini; da tipicità come i “nocciolini” piemontesi alle crostate moderne; dalle gelatine di frutta fino ai biscotti di frolla montata. Per finire con tartine e canapé di eleganza sabauda.

Pfatisch-2

Bar

Caffè Fiorio 1780

Parte dell’Associazione dei Caffè Storici di Torino e del Piemonte a pieno titolo, il Caffè Fiorio è un salotto attivo dalla fine del Settecento, frequentato nei secoli da intellettuali, artisti, nobili e politici. Il locale si è tenuto al passo coi tempi, ed è stato ad esempio tra i primi a diffondere nel nostro paese l’uso del cono per servire il gelato. Oggi nelle sue sale tutte lampadari di cristallo e boiserie si servono sontuose fette di torta, cioccolata in tazza, lievitati e praline. Ma la punta di diamante è ancora il gelato.

Caffè Fiorio

Bar

Caffè Baratti & Milano

Con i suoi 160 anni di storia, la Confetteria Baratti & Milano è uno dei locali storici più belli e prestigiosi d'Italia, il luogo da cui ha avuto origine il processo evolutivo che ha portato Baratti & Milano a diventare un'importante realtà industriale. Un tempo frequentata da personalità della scienza, della politica e dell'arte, per chi visita Torino per la prima volta, la pasticceria è una meta imperdibile. Anche facile da raggiungere, visto che si trova in Piazza Castello, a pochi passi da Palazzo Madama, i giardini reali e il teatro Regio. La carta delle bevande, vasta e articolata, include preparazioni a base di caffè con un cuore di miscela arabica 100%, tè, infusi, tisane e cioccolate calde dense, ricche e cremose, esclusivamente preparate a mano. La pasticceria, invece, segue le orme dei più famosi maestri di pasticceria italiani. Da provare, la pasticceria mignon come da tradizione di Casa Savoia, la Torta Reale, la "Barattina", la Torta Baratti e la Torta Giandujotto. A merenda come a colazione.

Caffè Baratti & Milano

Bar

Caffè Platti 1875

Al longevo caffè Platti, in questo periodo, si va per il bicerìn, una tazza di cioccolata calda con panna e una selezione di raffinati pasticcini. Piccolissimi, proprio come prescrive il bon ton, per agevolare l’assaggio. Buoni anche i croissant farciti e la pasticceria secca — con baci di dama, occhi di bue e frollini, sempre in taglia “mini” — nonché la mitica Torta Platti, la cui ricetta è tutt’ora segreta. Non c’è dubbio, però, che sia un trionfo di cioccolato.

Caffè Platti 1875

Pasticceria-Panificio

Pasticceria Abrate

È nata nel 1866 come una modesta panetteria, dotata di un piccolo spazio di vendita sulla strada e di un laboratorio più ampio dedicato alla produzione di pane. Attualmente, il negozio si è espanso notevolmente, conservando tuttavia i pavimenti e gli arredi originali degli anni '20 e '30. La pasticceria funge da luogo di ritrovo per una variegata clientela, composta da studenti, professionisti, artisti e turisti attratti dalla rinomanza dei suoi prodotti. Oltre a essere un'ottima scelta per la colazione con caffè e una fetta di torta appena sfornata, il locale si presta anche per pranzi e merende. Tra le specialità proposte, è possibile gustare la cioccolata calda preparata "alla vecchia maniera", mentre ci si sofferma ad ammirare gli scaffali adornati da confetti e liquori.

Pasticceria Abrate

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

CiboToday è in caricamento